Le fleurs du mal…Spleen 76…Charles Baudelaire

“Io serbo più ricordi che se avessi
mille anni. Un mobile a cassetti per
custodire panni, e pieno zeppo invece
di conti, ciocche, versi, quietanze,
bigliettini e aggeggi diversi, cela meno
segreti del mio triste cervello.
E come una piramide, un gigantesco
avello che contiene più morti d’un
tenebroso ossario. Io sono un cimitero
oscuro e solitario, senza un raggio
di luna, ove rimorsi amari i vermi
si accaniscono sui miei morti più
cari. Sono un salotto pieno di rose
estenuate, ove pastelli e qualche
Boucher un pò sbiadito respirano
nell’aria un profumo
svanito. Nulla eguaglia in
lentezza le accidiose giornate, quando
sotto il fioccare delle nevose annate,
la noia, triste frutto dell’inerte
indolenza, sembra allungarsi
come un’immortal parvenza.
Ormai tu non sei più, o materia
pulsante! che un masso circonfuso
da un silenzio inquietante, insabbiato
nel fondo di un Sahara brumoso;
vecchia Sfinge ignorata dal mondo
turbinoso, obliata sulle carte, e il
cui selvaggio umore canta sol se
la sfiori il sole, quando muore”

Eugenio Montale Non chiederci la parola

Non chiederci la parola che squadri da ogni lato
l’animo nostro informe, e a lettere di fuoco
lo dichiari e risplenda come un croco
perduto in mezzo a un polveroso prato.
Ah l’uomo che se ne va sicuro,
agli altri ed a se stesso amico,
e l’ombra sua non cura che la canicola
stampa sopra uno scalcinato muro!
Non domandarci la formula che mondi possa aprirti,
sì qualche storta sillaba e secca come un ramo.
Codesto solo oggi possiamo dirti,
ciò che non siamo, ciò che non vogliamo.

La libertà – Giorgio Gaber

 
Vorrei essere libero, libero come un uomo.
Come un uomo appena nato che ha di fronte solamente la natura
e cammina dentro un bosco con la gioia di inseguire un’avventura,
sempre libero e vitale, fa l’amore come fosse un animale,
incosciente come un uomo compiaciuto della propria libertà.
La libertà non è star sopra un albero,
non è neanche il volo di un moscone,
la libertà non è uno spazio libero,
libertà è partecipazione.
Vorrei essere libero, libero come un uomo.
Come un uomo che ha bisogno di spaziare con la propria fantasia
e che trova questo spazio solamente nella sua democrazia,
che ha il diritto di votare e che passa la sua vita a delegare
e nel farsi comandare ha trovato la sua nuova libertà.
La libertà non è star sopra un albero,
non è neanche avere un’opinione,
la libertà non è uno spazio libero,
libertà è partecipazione.
La libertà non è star sopra un albero,
non è neanche il volo di un moscone,
la libertà non è uno spazio libero,
libertà è partecipazione.
Vorrei essere libero, libero come un uomo.
Come l’uomo più evoluto che si innalza con la propria intelligenza
e che sfida la natura con la forza incontrastata della scienza,
con addosso l’entusiasmo di spaziare senza limiti nel cosmo
e convinto che la forza del pensiero sia la sola libertà.
La libertà non è star sopra un albero,
non è neanche un gesto o un’invenzione,
la libertà non è uno spazio libero,
libertà è partecipazione.
La libertà non è star sopra un albero,
non è neanche il volo di un moscone,
la libertà non è uno spazio libero,
libertà è partecipazione.
La libertà non è star sopra un albero,
non è neanche il volo di un moscone,
la libertà non è uno spazio libero,
libertà è partecipazione.
Da “Dialogo tra un impegnato e un non so” (1972)
 

Danilo Dolci C’è chi insegna

C’è chi insegna
guidando gli altri come cavalli
passo per passo:
forse c’è chi si sente soddisfatto
così guidato.
C’è chi insegna lodando
quanto trova di buono e divertendo:
c’è pure chi si sente soddisfatto
essendo incoraggiato.

Profondamente stimavo un amico

quasi invidiando un altro a cui diceva

stupido, e non a me.


C’è pure chi educa, senza nascondere

l’assurdo ch’è nel mondo, aperto ad ogni
sviluppo ma cercando
d’essere franco all’altro come a sé,
sognando gli altri come ora non sono:
ciascuno cresce solo se sognato.

Cilento – Luciano Ignacchiti


nome ricco di storia
di drammi del viver quotidiano
bellezza selvaggia incontaminata
forse ancora per poco.
Alba e tramonto si fondono
in un meraviglioso senza eguale.
Civiltà antiche e nuove
migliori le prime.
Terra gemmata multicolore
eterna oasi di pace.
* Sonetto di Luciano Ignacchiti tratto dal volume “Sapri giovane e antica” del canonico Luigi Tancredi
Altre opere di questo poeta contemporaneo sono presenti su vivisapri.com