Coronavirus: NIENTE PANICO!

Chi ha qualche anno sulle spalle ricorderà sicuramente la tragedia dell’Heisel. Il panico generato dalla carica degli hooligan inglesi generò una folla di persone che, per scappare, ne schiacciarono altre non così veloci a fuggire.

Lo stesso meccanismo si sta verificando con la caccia all’untore in questo momento e con i social media che, pur di fare qualche click in più, diffondono notizie allarmanti sui pericoli da fine del mondo del contagio da Coronavirus.

Sia l’atteggiamento di sottovalutare che l’atteggiamento di sopravvalutare il contagio può portare a delle conseguenze gravi. Le scene di corsa all’approvvigionamento fanno però ben capire che ormai il fenomeno della paura irrazionale ha sovrastato la capacità critica di gestire una emergenza sanitaria che ancora è molto contenuta.

Qui sotto Claudio Messora tenta di fare il punto della situazione con esperti che siano diversi dagli improvvisati tuttologi della porta accanto.

La regola è: niente panico.

Ragioniamo lucidamente per evitare che le conseguenze della paura diventino superiori a quelle del problema sanitario.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Segui il link che sei interessato ad una sessione di coaching completamente gratuita  ---> t.me/digireale