Se Questo è un Uomo – Primo LEVI

Voi che vivete sicuri
Nelle vostre tiepide case
Voi che trovate tornando a sera
Il cibo caldo e visi amici
Considerate se questo è un uomo
Che lavora nel fango
Che non conosce pace
Che lotta per mezzo pane
Che muore per un sì o per un no
Considerate se questa è una donna
Senza capelli e senza nome
Senza più forza di ricordare
Vuoti gli occhi e freddo il grembo
Come una rana d’inverno
Meditate che questo è stato
Vi comando queste parole
Scolpitele nel vostro cuore
Stando in casa andando per via
Coricandovi alzandovi
Ripetetele ai vostri figli
O vi si sfaccia la casa
La malattia vi impedisca
I vostri nati torcano il viso da voi.

Condividi se trovi utile

0 Risposte a “Se Questo è un Uomo – Primo LEVI”

  1. weeeeeeeee…ciao a tt….ho letto tt i vostri commenti…ke sono, amio parere tt giusti e sbagliati, tanto xkè lo sappiate ho 14 anni…e a giugno devo affrontare l’esame di stato…qnd il mio pensiero è qll di 1 adolescente. Io credo ke Levi è importante cm scrittore del neorealismo (corrente a cui appertiene o meglio dire pensiero letterario a cui appartiene) xkè avendo vissuto cm prima persona qst crudeltà dell’ uomo voleva tramandare quanto accaduto e voleva ke qst nn fosse dimenticato….xkè se si dimentica si torna indietro…e qst nn deve accadere..anke se cn il passare degli anni la tragedi del secondo conflitto mondiale si allontana è nostro dovere nn dimenticare e nn far morire qst ricordo…e Primo Levi il suo dovere lo ha fatto scrivendo, documentando quanto accaduto…nella realtà dei fatti credo ke lo si debba ringraziare x aver scritto quato realmente accaduto…dandoci la sua testimonianza…e informandoci su quanto accaduto…la poesia è bella, ha significato…ma qst significato deve rimanere scolpito in ogni sostro cuore…se davvero abbiamo capito qst poesia…

    1. Brava hai centrato nel segno …e molti adulti dovrebbero prenderti come esempio …..sono sicura che affronterai con un successo strepitoso il tuo esame di stato sei una ragazza matura e colta …..comunque questa poesia è la testimonianza di come i nonni ( delle persone della mia età )
      hanno subito e magari sono anche morti !!!!!!! ciao Lucia

  2. e’ una poesia che parla di due animali. ma uno e’ stato reso così da tanti altri ..da noi animali che abitiamo il mondo . e l’altro non vede non sente non prova sentimenti ne emozioni ..l’altro e’ incomprensibile.

  3. ciao sono petra ho 40 anni, leggo questo libro per la seconda volta, la prima volta ero una ragazzina, ma posso dire che ho pianto come allora, mi sono trovata nel Lager, ho provato la sensazione di distruzione fisica e morale,è vero che l’anima può essere distrutta anche senza distruggere “l’uomo fisico”..
    Non possiamo dimenticare

  4. io credo comunque che questa poesia una volta letta non vada mai dimenticata, è straordinaria. Ma non solo per le parole, anche per la visuale che ti regala. riesce a farti comprendere con pochi versi quello che si provava ad essere là. non si era nessuno. mi fa tremare soprattutto quando parla della donna, quando dice “..freddo il grembo..”, si capisce che si perde la propria femminilità, il proprio essere. come anche quando dice che sono uomini senza nome. essere nessuno è la cosa peggiore.

  5. Ho letto tutto il libro di Primo Levi e posso dirvi che dovevo fermarmi a volte….con le lacrime agli occhi….andavano a colpire l’identià di queste persone…non avevano + un nome ma erano soltanto dei numeri…uno in + uno in – non era un problema….dovremmo confrontarci con le sue parole..noi abbiamo una famiglia..una casa…un letto caldo…loro no…erano n mezzo a tante persone che magari non conoscevano prima ..li ammucchiate come stracci…che avevano paura ad alzarsi la notte anche x far pipì xkè non trovavano + il pezzettino di spazio che si erano guadagnati x dormire….ricordiamo l’orrore che è stato commesso..in modo che non accada più….

  6. Salve,mi piace solo dal pezzo “considerate sie questo è un uomo” fino a “senza più forza di ricordare”…. secondo me sn le righe più belle e toccanti di qst poesia…. Sto preparando Primo Levi x l’esame di terza media…. Mi piace molto come personaggio…. Ciao un saluto ed un bacio a tutti

    1. al posto di litigare non è che potreste spiegarmi questa poesia che tra 2 settimane ho l’esame di III media e vorrei portare proprio questo periodo

  7. …sai cosa è patetico? il fatto che non capisci che tutti interpretano le poesie e le sentono in modo diverso…e che se a qualcuno viene da dire GRAZIE…non è certo una brutta cosa!
    Inoltre la tua superbia supera di gran lunga il valore di questa poesia…”…invece che dire “Grazie Primo!” oppure criticare commenti altrui…”–>e tu che cosa stai facendo…?!…
    Ma per favore…

  8. non significa essere bambini commentare una poesia così bella..
    ognuno è libero di fare i commenti che ritiene opportuni e sinceramente penso che non sia tu, Gaia, a doverlo dire..
    e poi scusa, ciò significa che chi ha commentato la poesia non riflette sul dramma??
    sono d’accordo invece sull’ultima affermazione, che è una poesia di un certo valore.
    ciao a tutti

  9. è patetico che voi commentiate su una poesia di una bellezza infinita.
    secondo me, invece che dire “Grazie Primo!” oppure criticare commenti altrui, dovreste solamente riflettere sul dramma che è successo e fare in modo che un dramma tale non succeda mai più.
    I bambini che commentano non gli vogliamo, specialmente su una poesia di un certo valore.
    grazie.

  10. la poesia parla di due uomini diversi, uno felice, che quando torna a casa trova il calore della famiglia, invece, l’altro è un uomo che, per sfamarsi, deve lottare.
    levi ha adoperato parole cariche di significati

  11. la poesia parla di due uomini diversi, uno felice e quando torna a casa trova il calore della famiglia, invece, l’altro è un uomo che per sfamarsi deve lottare. è una poesia carica di significati

  12. é una poesia bellissima, carica di significati che si possono comprendere anke cn un lettura passiva.. Ma chi è lo stolto che leggendo il titolo, scorrendo nella lettura non si immedesima nella persona che ha vissuto questo scempio.. Grazie a Levi a questa poesia, ho capito che devo ringraziare il cielo per le cose che ho e non lamentarmi per ottenere le cose che vorrei… La famiglia, è queesta la cosa essenziale in un vita…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Segui il link che sei interessato ad una sessione di coaching completamente gratuita  ---> t.me/digireale