Prof. Castrucci e Hitler

Prof. Castrucci e Hitler

Prof Università Siena elogia Hitler. Il rettore (dopo le polemiche) annuncia provvedimenti.

Chi è il professore Castrucci? Grazie a Fan Page possiamo capire di più.

https://www.fanpage.it/attualita/bufera-su-emanuele-castrucci-il-professore-delluniversita-di-siena-che-elogia-hitler/

Occorre ricordare

Il negazionismo dell’Olocausto è una corrente di pensiero antistorica e antiscientifica[1] il cui principale assunto è la negazione della veridicità dell’Olocausto[2], ossia del genocidio degli ebrei da parte della Germania nazista. Questa teorizzazione, attraverso l’uso spregiudicato e ideologizzato di uno scetticismo storiografico portato all’estremo, nega una serie di eventi connessi al fascismo e al nazismo[1]; secondo questa teoria, l’Olocausto stesso sarebbe un’enorme finzione, funzionale alla demonizzazione della Germania, alle politiche sotterraneamente perseguite dai circoli ebraici mondiali e alla creazione e difesa dello Stato d’Israele[3].

I sostenitori di queste tesi si descrivono come persone che pretendono prove[4] e come “storici revisionisti” interessati a rivedere gli studi attuali, che essi definiscono in diversi modi, quali “olocaustomania[5], “menzogna olocaustica[6], “sacra vulgata olocaustica[7]. L’uso del termine “revisionismo” anziché “negazionismo” è contestato dalla comunità scientifica, che vi vede un tentativo di occultare dietro un termine dal legittimo uso accademico (revisionismo storiografico) un’operazione di minimizzazione e negazione di fatti acquisiti. Sono state quindi coniate espressioni che fanno invece leva sulla parola “negazione”, rilevando come lo scopo sia unicamente quello di “negare” la veridicità storica della Shoah[8].

In alcuni paesi (Austria, Francia, Germania e Belgio) la negazione dell’Olocausto è configurata come illecito, mentre in altri (Israele, Portogallo e Spagna) è punita la negazione di qualsiasi genocidio. Norme antinegazioniste sono state introdotte anche nell’ordinamento dei seguenti stati: Nuova Zelanda, Svezia, Australia, Repubblica Ceca, Slovacchia, Lituania, Polonia, Italia (dove è previsto dal 2016 come aggravante del reato di propaganda di odio razziale ma non come fattispecie a sé[9]) e Romania[10]. In genere è prevista come pena la reclusione, che in alcuni paesi può arrivare sino a dieci anni[11]. Nel 2007 le Nazioni Unite hanno approvato una risoluzione degli Stati Uniti che “condanna senza riserve qualsiasi diniego dell’Olocausto e sollecita tutti i membri a respingerlo, che sia parziale o totale, e a respingere iniziative in senso contrario[12][13]. I negazionisti considerano queste leggi come un mezzo di limitare la libertà di parola e una difesa degli storici “olocaustici”, con la forza della legge[14].

Facebook Comments Box
Ricordati che se usi il browser Brave non vedrai pubblicitá su questo sito Brave.com
Se vuoi partecipare ad un gruppo Telegram di persone che praticano il miglioramento continuo puoi visitare Miracle Morning Italian fans

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: