I bisogni dell’uomo e Gibran

Un mercante disse: Parlaci del comprare e del Vendere.
Ed egli rispose e disse: La terra vi offre i suoi frutti,
e voi non patirete indigenza se solo saprete come riempirvene le mani.
E’ scambiandovi i doni della terra che troverete abbondanza e sarete soddisfatti.
Ma se lo scambio non sarà con amore ed equanime giustizia,
non condurrà che alcuni all’ingordigia ed altri alla fame.
Quando voi, lavoratori del mare e dei campi e delle vigne incontrate sulla piazza del mercato i tessitori, i vasai e i venditori di spezie,
invocate allora che lo spirito supremo della terra intervenga
tra voi a santificare bilance e calcolo, di modo che pesi e valori si corrispondano.
E non lasciate che chi ha mani sterili partecipi alle vostre transazioni,
perché costoro venderebbero le loro chiacchiere per la vostra fatica.
Dovreste dire a tali uomini: "Venite con noi nei campi, o recatevi con i nostri fratelli
al mare a gettare la vostra rete: Poiché la terra e il mare saranno generosi come con noi".
E se colà verranno i danzatori e i cantanti e i suonatori di flauto,
ebbene, comprate pure i loro doni.
Poiché anch’essi sono raccoglitori di frutti e d’incenso, e ciò che essi vi recano,
benché fatto di sogni, è di ornamento e alimento alla vostra anima.
E prima di lasciare la piazza del mercato, badate a che nessuno vada via a mani vuote.
Poiché lo spirito supremo della terra non dormirà in pace nel vento
finché i bisogni dell’ultimo tra voi, non siano soddisfatti.

Kahlil Gibran

/ 5
Grazie per aver votato!

Conosci il metodo gratuito APPO?

Ricordati che se usi il browser Brave non vedrai pubblicitá su questo sito Brave.com
Se vuoi partecipare ad un gruppo Telegram di persone che praticano il miglioramento continuo puoi visitare Miracle Morning Italian fans

Una risposta a “I bisogni dell’uomo e Gibran”