La sala d’aspetto – Rodari

La sala d’aspetto – Rodari

Chi non ha casa e non ha letto
si rifugia in sala d’aspetto.

Di una panca si contenta,
tra due fagotti s’addormenta.

Il controllore pensa: “Chissà
quel viaggiatore dove anderà?”

Ma lui viaggia solo di giorno,
sempre a piedi se ne va attorno:

cammina, cammina, eh, sono guai,
la sua stazione non la trova mai!

Non trova lavoro, non ha tetto,
di sera torna in sala d’aspetto:

e aspetta, aspetta, ma sono guai,
il suo treno non parte mai.

Se un fischio echeggia di prima mattina,
lui sogna d’essere all’officina.

Controllore non lo svegliare:
un poco ancora lascialo sognare.

Print Friendly, PDF & Email

2 Risposte a “La sala d’aspetto – Rodari”

  1. E’ veramente triste la vita di chi non ha un tetto e, un letto…con questo freddo poi!!! Un grande Gianni Rodari come sempre ci pone delle riflessioni…Grazie, molto bella

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: