The miracle morning: il secondo capitolo

“Per operare cambiamenti profondi nella vita servono l’ispirazione o la disperazione”
(Anthony Robbins)

Talvolta gli avvenimenti drastici e devastanti accompagnati ai momenti più bui ci permettono di scoprire il vero scopo della nostra vita, creando la visione più autentica di noi stessi. Ed è ciò che è capitato all’autore di THE MIRACLE MORNING.
Nel secondo capitolo Harl racconta di essere grato per aver toccato “il fondo”, perché gli ha permesso di usare i suoi insuccessi e fallimenti per aiutare gli altri a scoprire le loro risorse e superare i propri limiti per vivere una vita straordinaria.
Ad un tratto Harl divenne consapevole di investire il suo tempo ogni giorno allo scopo di cambiare la propria vita.


Dopo una serie di tentativi l’autore valuta l’idea di trovare il tempo la mattina per dedicarsi allo sviluppo personale e per ricavare una discreta carica positiva con più energia.
A tal proposito utilizza una serie di pratiche e rituali mattutini con convinzione. Questo rituale lo chiamò Miracle Morning.
Vale la pena leggere il libro per scoprire questi preziosi rituali.

Maria Cretto


Ricordati che se usi il browser Brave non vedrai pubblicitá su questo sito Brave.com
Se vuoi partecipare ad un gruppo Telegram di persone che praticano il miglioramento continuo puoi visitare Miracle Morning Italian fans
Visits: 83
Today: 2

Rispondi

Open chat
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: