Ode al giorno felice – Neruda

Questa volta lasciate che sia felice,
non è successo nulla a nessuno,
non sono da nessuna parte,
succede solo che sono felice
fino all’ultimo profondo angolino del cuore.
Camminando, dormendo o scrivendo,
che posso farci, sono felice.
Sono più sterminato dell’erba nelle praterie,
sento la pelle come un albero raggrinzito,
e l’acqua sotto, gli uccelli in cima,
il mare come un anello intorno alla mia vita,
fatta di pane e pietra la terra
l’aria canta come una chitarra.
Tu al mio fianco sulla sabbia, sei sabbia,
tu canti e sei canto.
Il mondo è oggi la mia anima
canto e sabbia, il mondo oggi è la tua bocca,
lasciatemi sulla tua bocca e sulla sabbia
essere felice,
essere felice perché sì,
perché respiro e perché respiri,
essere felice perché tocco il tuo ginocchio
ed è come se toccassi la pelle azzurra del cielo
e la sua freschezza.
Oggi lasciate che sia felice, io e basta,
con o senza tutti, essere felice con l’erba
e la sabbia essere felice con l’aria e la terra,
essere felice con te, con la tua bocca,
essere felice.

Ricordati che se usi il browser Brave non vedrai pubblicitá su questo sito Brave.com
Se vuoi partecipare ad un gruppo Telegram di persone che praticano il miglioramento continuo puoi visitare Miracle Morning Italian fans
Visits: 96
Today: 4

20 Comments

  1. …cosa dire…questa poesia dice tutto e niente…
    Lasciate ch’io sia felice…ma…sappiamo cos’è la felicità???

  2. se non lo sa Neruda, chi altri mai… uno dei poeti più sinceri mai esistiti

  3. La vita ci da’ di tutto,tante emozioni che non si possono riunire con poche parole;in pochi secondi si passa da una gioa infinita ad una tristezza estrema perche’ siamo cosi’,liberi nella mente e nel cuore…e se c’e’ un giorno intero di felicita’….viviamolo …pienamente….godendo di ogni singolo istante…..e sembrera’ cosi’ lungo…da confonderlo con l’eternita’

  4. La felicità è desiderare quel che si ha.
    Pablo Neruda vive nei nostri ricordi. ♥

  5. Persona che subisce umiliazioni,
    dalla famiglia….. o simili,
    fa lo stesso, con chi con conquista.

  6. Credo che l’idea più concreta e concisa, la dabbia Trilussa… con la sua poesia. ….. E pensateci bene, é, una piccola cosa!

  7. ((((((((((((((((((((“***’__ __’***”))))))))))))))))))
    …………………………Ciaoooooooooooooooooooo
    …………………………..Mio ((((((SORRISO)))))) teneramente vai
    DA CHI STA SOFFRENDO.
    DA UN FIORE CHE STA SBOCIANDO.
    VAI DA UN CUORE CHE PER AMORE … STA PIANGENDO.
    E VAI SORRISO VAI !
    SORRIDI A UNA MAMMA.
    PER UNA CHIOMA BIANCA.
    VAI DA CHI ORMAI, LA VOCE HA STANCA.
    E VAI SORRISO, ANCORA VAI, DA CHI NON HA PIù FEDE
    PER CHI PIù NON SORRIDE, TU ALLORA …
    SORRIDI, ANCOR, PER ME .
    *************************************************************************************************************
    CIAO CIAO CIAOO O O O O….
    ……………………………………………………………………….***BENITO***

  8. Sono con mia figlia Chiara in vacanza sul Gagano. La felicità è aver letto questa tanto beve quanto intensa poesia insieme, che ci ha donato un profondo senso di serenità e intimità. È stato tutto molto bello ed emozionante. Resterà sempre nei nostri grandi cuori!!!
    Chiara e Michele

  9. vorrei sapere cosa intende Neruda con questa frase “FATTA DI PANE E PIETRA LA TERRA,L ARIA CANTA COME UNA CHITARRA” Grazie per l eventuale risposta.
    Cordiali saluti da”un utente google”

Rispondi

Open chat
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: