Come essere sempre felice

Come essere sempre felice

12/219 Il potere delle intuizioni

Non sottovalutare mai il potere delle intuizioni. La vita puó cambiare in un ‘istante” se sai cogliere l’attimo, altrimenti sarai costretto a vivere con la sensazione del “se avessi…”

Kaizen Kiko

Il mio percorso kaizen:

1 Tutto è perfetto. Non c’è spazio per la lamentela.

2 Viaggia nel tuo io profondo. Non puoi vivere bene il “fuori” se non hai chiaro il dentro.

3 Alimentati bene e penserai bene. Studia il tuo rapporto con il cibo e le altre carenze organiche che possono capitare.

4 Lega a te solo persone di valore. Potrai scalare meglio la montagna della vita.

5 Impara bene ad imparare. È questa l’arte suprema da coltivare tutta la vita.

6 Amati ma non considerarti il fine del tuo amore.

7 Trova un maestro che sia disposto ad insegnarti l’arte di vivere.

8 Impara ad ascoltare la tua voce interiore. Chiediti se è solo un capriccio o se veramente sei ad un bivio della tua vita. Poi, segui il cuore.

Qualche disilluso potrá dire che una delle ricette migliori per sbagliare è quella di “seguire il cuore”. Ma seguire il cuore é necessario perché senza quegli errori non diventeremo mai persone capaci di superare ogni fallimento fino ad arrivare a vivere la vita a cui realmente aspiriamo.

Ognuno di noi ha sperimentato in qualche occasione il potere dell’intuizione, quel sesto senso che ci informa che, nella situazione che stiamo analizzando, qualcosa non quadra anche se razionalmente non troviamo nulla di eccepibile. Ad esempio ci sono persone che “a pelle” non ci piacciono. Non riusciamo a spiegarci perché ma sentiamo che qualcosa ci infastidisce. Oppure quando ci propongo un’offerta vantaggiosa ma sappiamo di dover rifiutare.

L’intuizione é uno strumento formidabile se impariamo ad utilizzarla a nostro vantaggio. Se non abbiamo ancora fatto esperienze di meditazione e di introspezione allora potremmo non avere una familiaritá con questo consulente interno che semplicemente si limita a suggerire le ncose in maniera sibillina. 

Spegnere o attenuare la nostra parte razionale puó aiutare molto nell’attivare quella connessione con il nostro io profondo che conosce sicuramente ció che è meglio per noi. 

Questo non significa che dovremmo vivere la vita in attesa di segnali premonitori o messaggi in codice ma di riuscire a coniugare la nostra parte razionale, il nostro cervello piú moderno, con la parte emozionale, il cervello limbico.  Dovremmo sviluppare la capacitá di prestare attenzione a segnali che, quando siamo presi dall’ansia o siamo troppo concentrati non riusciamo ad individuare.

Se non abbiamo dei buoni risultati scolastici, ad esempio, possiamo continuare a ripetere lo stesso schema che razionalmente abbiamo appreso. Possiamo continuare a provare con i nostri vecchi metodi di studio oppure possiamo cercar di capire per quale motivo manchiamo di motivazione. All’inizio sará sempre difficile investigare queste aree ma se riusciamo a fidarci delle nostre intuizioni potremo rimuovere quegli ostacoli inconsci che ci sabotano.

Raramente l’essere umano fallisce un obiettivo ordinario se ha trovato la vera causa della sua sconfitta. Procedere quindi con il metodo zdc, delle prove e degli errori, e prestare un ascolto maggiore ai veri desideri interiori ci fará risparmiare molto tempo. Ci permetterá di arrivare prima all’obiettivo o di modificarlo completamente.

Il ruolo dell’intuizione, quindi, é quello di farci riscoprire per quale motivo facciamo ció che facciamo o, viceversa, procrastiniamo in maniera elegante e controproducente.

Possiamo attrarre la vita che desideriamo solo quando abbiamo progettato attentamente ogni suo dettaglio e, contemporaneamente, la nostra parte inconscia ci avrá aiutato ad eliminare tutti gli ostacoli che si frappongono tra noi ed i nostri desideri.

Non è un percorso facile quello d’imparare a dialogare con se stessi ma i risultati che riusciremo ad ottenere se affrontiamo in maniera deliberata questo fatto ci daranno ragione della sua importanza. 

Cosa vogliamo veramente? Perché scegliamo di guardare gli ostacoli che abbiamo davanti e non gli sforzi che possiamo compiere oggi per superarli?

Per noi è cosí difficile e doloroso entrare in contatto con le nostre mancanze che spesso ci autoassolviamo e ci copriamo di bugie (eleganti razionalizzazioni e scuse) perdendo di vista la crescita del nostro bambino interiore e la possibilitá di fare oggi quello che non abbiamo fatto ieri. Ogni giorno è una nuova meravigliosa occasione per svolgere con enfasi ogni compito ordinario o straordinario, se solo lo decidiamo davvero.

Seguiamo allora il nostro intuito, liberiamoci dai doveri del passato che non abbiamo assolto e cerchiamo di capire, sfruttando questo canale ausiliario, quali cose nella nostra vita sono fondamentali e quali sono semplici incrostazioni di elementi che abbiamo incontrato per caso nel nostro percorso.

Non è facile ma estremamente utile fare con cadenza regolare questo check-up della salute dei nostri obiettivi. Ricordiamoci sempre che purtroppo l’asse del tempo scorre sempre in una direzione e la vita è un bene perduto se non la viviamo come avremmo voluto. Sfruttiamo il nostro intuito a fin di bene e l’universo si piegherá alle nostre volontá positive.

Kaizen Kiko

Chi vuole fare un percorso kaizen gratuito e personalizzato (fino ad esaurimento posti) puó inviare un messaggio nella sezione contatti.

Facebook Comments Box
Ricordati che se usi il browser Brave non vedrai pubblicitá su questo sito Brave.com

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: