Karma

Oggi parliamo di un concetto che molti fraintendono.

Il karma, nella sua semplificazione, viene identificato con il destino.

Non è propriamente così ed è molto importante avventurarsi nello scoprire meglio un concetto così antico ma che può essere realmente utile nel nostro miglioramento personale.

Ci facciamo aiutare da Sarà Bigatti che nel suo canale YouTube, la scimmia yoga, ci regala le sue preziose intuizioni, frutto di studio e pratica quotidiana.

In Wikipedia leggiamo

Nella concezione popolare il kamma viene a volte identificato con il destino, ma questo è un totale fraintendimento, del tutto inapplicabile alla dottrina buddista. Kamma significa azione volitiva, l’azione che scaturisce dall’intenzione, che può manifestarsi come atto del corpo, della parola o del pensiero[34]. Il campo in cui i semi del kamma vengono portati a maturazione, è l’interminabile processo delle rinascite, chiamato samsara. Nell’insegnamento del Buddha, la vita non è vista come un evento isolato ma come parte di una serie individualizzata di vite, che non hanno un inizio conoscibile nel tempo e continuano finché il desiderio di esistenza si spegne nel Nibbana. Le rinascite possono portare gli esseri nei diversi regni, inferiori e superiori a quello umano[35].

 

Quindi il secondo livello di insegnamento presente nel Dhammapada è il corollario pratico della legge del kamma. Vi si trovano le regole che indicano agli esseri umani, che naturalmente desiderano la felicità e la libertà dal dolore, i mezzi più efficaci per raggiungere i loro obiettivi. Il contenuto di questo stesso insegnamento non è diverso da quello presentato al primo livello: è la stessa serie di ingiunzioni etiche volte ad evitare il male e a praticare il bene. La differenza sta nella prospettiva: non più solo sociale, i principi della morale sono mostrati qui nelle loro più ampie connessioni cosmiche, in quanto legati a una legge invisibile ma onnicomprensiva, che tiene assieme le vite degli esseri senzienti e domina sui cicli di nascita e morte. Chi vìola questa legge, agendo nella stretta dell’odio, dell’ignoranza e dell’egoismo, subisce un deterioramento del proprio stato di essere umano, che lo porta inevitabilmente nei mondi della sofferenza.

«Il karman, pilastro di tutto il pensiero e la spiritualità fioriti in India, è l’intuizione del principio a cui soggiace la realtà e che regola i rapporti che passano tra l’azione, il sentimento, la parola e il pensiero prodotti dall’uomo che, per un tramite che appartiene alla sfera dell'”invisibile” (adṛṣṭa), fruttifica in un evento a cui l’uomo stesso soggiace, essendone il responsabile.»

(Gianluca Magi in Karman, “Enciclopedia filosofica” vol. 6. Milano, Bompiani, 2006, pag. 6013)

Per ulteriori approfondimenti puoi seguire questo link

https://www.meditazionezen.it/karma/

Ricordati che se usi il browser Brave non vedrai pubblicitá su questo sito Brave.com
Se vuoi partecipare ad un gruppo Telegram di persone che praticano il miglioramento continuo puoi visitare Miracle Morning Italian fans

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: