Senza di te tornavo – poesia sulla solitudine di Pier Paolo Pasolini

Pier Paolo Pasolini
Image via Wikipedia

Senza di te tornavo, come ebbro,
non più capace d’esser solo, a sera
quando le stanche nuvole dileguano
nel buio incerto.
Mille volte son stato così solo
dacché son vivo, e mille uguali sere
m’hanno oscurato agli occhi l’erba, i monti
le campagne, le nuvole.
Solo nel giorno, e poi dentro il silenzio
della fatale sera. Ed ora, ebbro,
torno senza di te, e al mio fianco
c’è solo l’ombra.
E mi sarai lontano mille volte,
e poi, per sempre. Io non so frenare
quest’angoscia che monta dentro al seno;
essere solo.

/ 5
Grazie per aver votato!

Conosci il metodo gratuito APPO?

Ricordati che se usi il browser Brave non vedrai pubblicitá su questo sito Brave.com
Se vuoi partecipare ad un gruppo Telegram di persone che praticano il miglioramento continuo puoi visitare Miracle Morning Italian fans

Una risposta a “Senza di te tornavo – poesia sulla solitudine di Pier Paolo Pasolini”

  1. adoro Pasolini , le sue opere sono scritte in un tempo passato per un tempo presente . E che bellezza immergersi dentro alle sue poesie ,per poi uscirne con l’essenza dei suoi immensi pensieri così valorosi , pieni di emozione e poesia