Francesco Guccini – Auschwitz

Son morto con altri cento, son morto ch’ero bambino,

passato per il camino e adesso sono nel vento…

Ad Auschwitz c’era la neve, il fumo saliva lento

nel freddo giorno d’inverno e adesso sono nel vento…

Ad Auschwitz tante persone, ma un solo grande silenzio

è strano non riesco ancora a sorridere qui nel vento…

Io chiedo come può un uomo uccidere un suo fratello

oppure siamo a milioni in polvere qui nel vento…

Ancora tuona il cannone, ancora non è contento

di sangue la belva umana e ancora ci porta il vento…

Io chiedo quando sarà che l’uomo potrà imparare

a vivere senza ammazzare e il vento si poserà…

Io chiedo quando sarà che l’uomo potrà imparare

a vivere senza ammazzare e il vento si poserà…

27 Gennaio 2011-Giornata della Memoria

Sandra Greggio

/ 5
Grazie per aver votato!

Conosci il metodo gratuito APPO?

Ricordati che se usi il browser Brave non vedrai pubblicitá su questo sito Brave.com
Se vuoi partecipare ad un gruppo Telegram di persone che praticano il miglioramento continuo puoi visitare Miracle Morning Italian fans

3 Risposte a “Francesco Guccini – Auschwitz”

    1. Vero, verissimo, Marco, condivido pienamente. E aggiungo che ciò vale anche per altri giorni, dedicati a…Esempi a non finire. Uno solo per restare in tema? 10 Febbraio, le foibe. Poi, evadendo da quasta tematica, 8 marzo, Festa della Donna (e inserisco di proposito la lettera maiuscola!) e via dicendo.
      Grazie
      Sandra